Vivaio piante officinali biologiche -vendita online - Azienda Agricola Erika Caldera

Cerca

Vai ai contenuti

Quando trapiantare le officinali?

Curiosità

SAI QUALE E' IL PERIODO MIGLIORE PER TRAPIANTARE LE PIANTE OFFICINALI?

La primavera è per tutti sinonimo di risveglio e di rina
scita; iniziano i lavori nell'orto e nel giardino e si corre ad acquistare le piante da coltivare.

Arriva l'estate, il tempo per raccogliere finalmente fiori, foglie e frutti dalle nostre officinali ma... le nostre
piante officinali e aromatiche hanno fatto pochi fiori o non sono molto vigorose.



PERCHE' NON SONO VIGOROSE TI STARAI CHIEDENDO?


La risposta è semplice.

Il periodo migliore per il
trapianto in terra piena e la coltivazione delle erbe officinali perenni è il tardo autunno. Le piante officinali avranno avuto il tempo per adattarsi e ambientarsi nella nuova dimora e riceveranno l'acqua necessaria che servirà per la loro crescita.

Con il
solstizio d'inverno, che segna il giorno più corto dell'anno e l'inizio dell'inverno, si inaugura il rinnovamento e la rinascita: le giornate cominciano ad allungarsi e aumentano le ore di luce che scaldano il terreno; la natura si risveglia e, in particolare, si risvegliano le radici delle piante officinali e aromatiche.

NON PERDERE TEMPO, PROGETTA IL TUO GIARDINO DELLE OFFICINALI 2018


Un proverbio dice che chi pianta in autunno guadagna un anno.

Allora cosa aspetti? Se
sei un imprenditore agricolo o un giardiniere per hobby progetta adesso il tuo giardino delle aromatiche e officinali così la prossima estate sarai pronto per raccogliere, seccare e trasformare le tue erbe officinali.

Non perdere tempo e
ordina presso il nostro vivaio le tue piante aromatiche e officinali per averle disponibili in autunno.

Se non sai quali scegliere oltre alle più note Salvia, Timo, Melissa e Lavanda, ti proponiamo un
elenco di piante officinali meno diffuse che abbiamo selezionato per te da trapiantare il prossimo autunno.


Malva TimoMelissaLavanda

ISTATIS TINCTORIA - GUADO LA PIANTA BLU

Il Guado o Gualdo è una pianta officinale tintoria chiamata anche "oro blu" perchè, nel passato, era stata al centro di un fiorente commercio in Italia, Francia, Germania e Inghilterra. Veniva coltivata per ricavare dalle foglie, con un lungo procedimento, il colore blu in tutte le sue gamme e sfumature da utilizzare per tingere i tessuti. Se si mescola con altri colori naturali si possono ottenere altre tinte.
Oggi, visto il crescente interesse verso produzioni che siano
compatibili e rispettose dell'ambiente, la coltivazione del Guado e, più in generale, delle tinture naturali è stata riscoperta in quelle zone in cui era coltivato anticamente. L'Istatis tinctoria potrebbe diventare una buona opportunità economica poichè può essere impiegata in svariati settori: alimentare, tessile,farmaceutico e industriale.
Ha anche
proprietà curative: anabolizzanti, antiscorbutiche, astringenti.
COLTIVAZIONE: pianta rustica biennale adatta anche ai climi freddi. Necessita di un terreno profondo, soleggiato non eccessivamente concimato. Produce dei fiorellini gialli da aprile a luglio.


TE' GRECO - SIDERETIS SYRIACA O STREGONIA SICILIANA

Di ritorno da una vacanza in Grecia e già vi manca il gusto dolce e delicato del Tè greco? Provate a trapiantare il prossimo autunno una pianta di Sideritis Syriaca, nota anche come sheperd's tea (tè dei pastori) o tè di montagna per prepararvi da soli un infuso. Ha anche un altro nome Malotira che significa tirare fuori la malattia.

E' una pianta perenne con proprietà antinfiammatorie per le vie respiratorie e lenitive in caso di tosse e raffreddori; è anche un ottimo integratore del ferro. Nei Balcani e nel Mediterraneo meridionale si usano le foglie, i fiori e i fusti per preparare un infuso. COLTIVAZIONE: fiorisce tra maggio e luglio; è una pianta rustica che sopravvive anche a -10°C e sopporta la siccità. Coltivare in un terreno soleggiato o che riceve almeno 6 ore di pieno sole; preferisce terreni drenati.

RABARBARO - RHEUM RHAPONTICUM

Volete una pianta officinale semplice da coltivare e da utilizzare in cucina per le vostre gustose ricette? Il rabarbaro è la pianta che fa per voi.
E' una
pianta erbacea perenne che non ha bisogno di molte cure anche se necessita di molto spazio. Cresce soprattutto nel Nord Europa e sopravvive agli inverni freddi; può essere coltivata anche nell'Italia meridionale in luoghi non troppo soleggiati.
In
cucina si utilizzano le coste per la preparazione di torte, marmellate e dolci; le radici, dal sapore amarognolo, vengono usate per i liquori e gli aperitivi. Le proprietà curative si trovano nelle radici che possono essere utilizzate nella preparazione di tisane lassative ma anche per altre ragioni visto cha ha proprietà terapeutiche digestive, astringenti, depurative, colagoghe.Non si utilizzano invece le foglie perchè sono velenose.



ERBA DELLE FARFALLE - ASCLEPIAS TUBEROSA

Volete realizzare un giardino delle farfalle? Non potrà mancare l'Asclepias tuberosa o Erba Bambagia, una pianta rustica di facile coltivazione caratterizzata da grandi fiori arancioni che attirano le farfalle. E' inoltre considerata una pianta ornamentale che può raggiungere un'altezza di 60 cm, ideale per le bordure. I suoi fiori possono essere recisi ed utilizzati per decorare la vostra casa.
Le
proprietà espettoranti e anti - infiammatorie sono contenute nella radice.

ERBA VETTURINA - MELILOTUS OFFICINALIS

Siete degli apicoltori oppure vi piace coltivare i fiori amici delle api? Il Meliloto, una pianta medicinale molto antica, è una delle piante che fa per voi. Il nettare prodotto dai suoi fiori gialli, il cui profumo ricorda il miele, attira le api e può essere usato per produrre un miele monofloreale delicato e aromatico. Se, oltre alle api, vi piace destreggiarvi fra i fornelli lo potete utilizzare in cucina per insaporire le carni e i ripieni o se siete dei mastri birrai per aromatizzare le birre. Il Meliloto o Trifoglio Giallo viene coltivato anche per le sue proprietà medicinali. Ha proprietà sedative, antispasmodiche, toniche, antinfiammatorie.
Un'avvertenza: il Meliloto è una pianta infestante e se non si desidera che si propaghi occorre estirparlo prima che i semi si disperdano nell'ambiente.

Altre piante officinali che ti consigliamo di trapiantare in autunno e che potrai trovare nel nostro vivaio sono le piante di

  • Anchusa,
  • Camomilla dei romani,
  • Althea,
  • Epazote (tè dei Gesuiti),
  • Artemisia.


Per ricevere maggiori informazioni scrivici a info@erikacaldera.it.


EPAZOTEALTHEACAMOMILLA DEI ROMANIANCHUSA

Home Page | L'azienda | Piante officinali | Negozio on line | Curiosità | Capre cashmere | Galleria immagini | Cookie policy | Mappa del sito


Menu di sezione:


Torna ai contenuti | Torna al menu