ASPARAGO SELVATICO – ARUNCUS DIOICUS – semi

3,00

50 SEMI

 

Di essa si consumano i germogli di colore rossastro che si originano in primavera. I germogli si possono  raccogliere in aprile e maggio, quando raggiungono una lunghezza di 10-15 cm, vengono tagliati e cucinati come gli asparagi.

L’esposizione alla luce può essere in pieno sole, mezza ombra, ombra.La A. dioicus ha una rusticità veramente notevole, in inverno resiste a temperature oltre i -23°.

È un’erbacea, vigorosa e a rapido sviluppo che in condizioni favorevoli assume l’aspetto di un grande cespuglio, anche se non ha nessuna parte lignificata permanente.

Per avere una buona crescita e una copiosa fioritura, la pianta deve godere di almeno cinque ore di sole. La pianta crescendo e con le alte temperature, le forti radiazioni tipiche del periodo estivo, produce sostanze ciano genetiche perdendo il suo carattere commestibile.

La Barba di capra trova largo impiego   in cucina. Infatti durante il periodo primaverile è possibile raccogliere i giovani germogli rossastri posti alla base della radice. Questi vengono utilizzati allo stesso modo degli asparagi. Una volta puliti e lessati, possono essere impiegati per realizzare diverse pietanze. Attenzione però a non raccogliere la Barba di capra durante il periodo estivo quando la pianta produce delle sostanze, come i glicosidi cianogenetici, tossici per l’organismo. 

Categoria: